Mastro Marco al PamPam Ristorante Pizzeria | Le Böte di MastroMarco – Episodio 1 | La Smaiassa
17163
post-template-default,single,single-post,postid-17163,single-format-standard,ajax_fade,page_not_loaded,,qode-theme-ver-6.5,wpb-js-composer js-comp-ver-5.1,vc_responsive

13 Set Le Böte di MastroMarco – Episodio 1 | La Smaiassa

Le Böte di Mastro Marco
Ep – 1 | La Smaiassa Bergamasca

 

Salve,

Bentornati.

Finalmente il primo episodio di quella che dovrebbe essere una serialità. Oggi (domenica 13 settembre 2020 ndr) vi racconto una storia…domenicale.

Di domenica, quando ero piccolo si era soliti riunire tutta la famiglia intorno al tavolo e abbuffarsi con quelli che erano i piatti della tradizione preparati dalle mani sapienti delle nonne aiutate dalle mamme, supportate a loro volte dalle zie e dalle figlie. In questo evento settimanale dello stare insieme per antonomasia avvenivano principalmente due cose: la prima è ovvia, si mangiava e anche tanto, la seconda, meno scontata, venivano tramandate conoscenze, ricette e passione per la cucina.

In questo passaggio di consegne e sapere sono state conservate e trasmesse ricette incredibili e buonissime che con il tempo si sono conservate così come sono nate, mentre altre si sono evolute stando al passo con i tempi.

Noi di Mastro Marco siamo sempre alla ricerca di ricette particolari (se appartengono alla tradizione bergamasca o bresciana tanto meglio) e di ingredienti di qualità a Km Zero. Quest’estate, ad Agosto per essere precisi, volevamo soddisfare un bisogno. Questo bisogno era quello di creare un PIATTO DELLA TRADIZIONE che fosse allo stesso tempo SENZA GLUTINE e SENZA LATTOSIO.

Era una domenica verso l’ora di pranzo quando sfogliando i libri di cucina e cercando nel web ci siamo imbattuti in una ricetta che nessuno di noi conosceva e con un nome un po’ difficile da pronunciare. Incredibile ma vero, l’ingrediente base è la farina di mais, la farina gialla della polenta per intenderci e come si sa la farina di mais è senza glutine.

La ricetta che abbiamo cernito si chiama Smaiassa Bergamasca. Pronunciando il nome con una cadenza un po’ dialettale, suona come un qualcosa di grosso e abbondante, come un pranzo domenicale tra parenti. La Smaiassa però è un piatto equilibrato con ingredienti “poveri”.
Non è un antipasto, non è un primo piatto e soprattutto non è un secondo. La Smaiassa non sarebbe nemmeno un dolce… ma noi lo serviamo come tale. La Smaiassa non appartiene a nessuna categoria, semplicemente è un piatto della tradizione.

Ehi…lo sentite il climax crescente del racconto? Bene…ora il colpo di scena.

La ricetta della Smaiassa è senza lattosio?

Nein.

La ricetta prevede l’utilizzo di latte…già, quindi cosa facciamo? Abbandoniamo la ricetta?
Nemmeno per sogno. Utilizzeremo il latte di mandorla!

Completiamo la lista degli ingredienti con le Mele Gala della Valle Camonica, noci, uvetta e un pizzico di panna vegetale per dare morbidezza. Guarniamo un po’ il piatto con una spuma di latte di mandorla e cannella.

Ma quindi cosa è questa Smaiassa? Com’è fatta? Noi rispondiamo così:

“La nostra Smaiassa è un dolce della tradizione bergamasca, è un tortino alle mele, noci e uvetta fatto con la farina di mais ed ha la peculiarità di essere sia senza glutine e senza lattosio. La serviamo con una nuvola di latte di mandorla e cannella.”

Questa è la nostra Smaissa Bergamasca, un dolce di una volta che guarda avanti, attento alle esigenze alimentari di tutti.

 

Che sia questa la giusta strada?

Tags:
,


Translate »